Dirigente scolastico

Dirigente scolastica: Prof.ssa Maria Lombardi

e-mail: dirigente.lombardi@icargelato.istruzioneer.it
Curriculum vitae: CV europeo Maria Lombardi 

La Dirigente riceve tutti i giorni previo appuntamento.

 

Il Dirigente scolastico (Ds) persegue l’efficacia e l’efficienza del servizio erogato dall’istituzione scolastica (c. 2, L. 107/2015) mediante compiti e azioni ben definiti (art. 25, D.Lgs. 165/2001). In particolare il Ds dirige e coordina le attività formative, organizzative e amministrative, utilizza e valorizza le risorse umane, gestisce e implementa le risorse finanziarie e strumentali, promuove e cura le relazioni interne ed esterne.

Il Ds, come leader educativo, promuove una comunità di pratica a più livelli: didattico, organizzativo, rispondente al territorio e inclusivo. Partendo dai bisogni formativi e educativi del territorio, il Ds invita tutte le componenti scolastiche ad una riflessione attenta e costruttiva al fine di realizzare un curricolo rispondente alle esigenze reali dell’utenza, in piena autonomia, e al contempo secondo le Linee guida delle Indicazioni nazionali.

La conquista dell’autonomia va dunque di pari passo con lo sviluppo di una cultura e di una attitudine alla valutazione (all’autovalutazione, alla valutazione interna ed esterna), in modo che la comunità educante possa acquisire maggiore consapevolezza, condivisione e partecipazione nella progettazione dell’offerta formativa. A tal fine il Ds promuove la costituzione di gruppi di lavoro, commissioni, dipartimenti, incarichi finalizzati alla definizione del curricolo, della progettazione didattica e della valutazione dell’istituzione scolastica, tenendo conto di tutti gli aspetti innovativi didattici e metodologici che la realtà “impone”. Inoltre, il Ds deve caldeggiare la cultura della formazione professionale costante come opportunità per i docenti di rispondere in modo pronto e adeguato alle sfide presenti per riacquistare maggiore gratificazione e realizzazione del proprio ruolo sociale.

La promozione, la definizione e la modalità con cui realizzare le diverse attività devono essere esplicitate e organizzate nei diversi ambiti nel Piano di Miglioramento che diventa un vademecum fondamentale per il perseguimento degli obiettivi programmati, motivo per cui è pienamente inserito nel PTOF.