Eu Code Week 2021

Data:

domenica, 19 dicembre 2021

Argomenti
2D_Green_001.jpg

L’Istituto Comprensivo di Argelato dal 9 al 24 Ottobre 2021 ha preso parte per il settimo anno consecutivo alla Eu Code Week, Settimana Europea del Codice, manifestazione che mira a portare la programmazione e l’alfabetizzazione digitale a tutti in modo divertente e coinvolgente.

Grazie all'impegno dei docenti, che hanno saputo cogliere questa nuova sfida educativa e alla partecipazione ad alcuni bandi, è stato possibile acquistare nuove strumentazioni tecnologiche che facilitano e rendono più efficace la sperimentazione e la conoscenza del coding (programmazione informatica). All’acquisto è seguito un corso di formazione interna, per tutti i docenti dell’istituto, sull’utilizzo di tali strumentazioni nella didattica. Questo permetterà agli studenti e alle studentesse dell’Istituto di svolgere attività legate al coding durante tutto l’arco della loro permanenza all’I. C. di Argelato, dalla scuola dell'infanzia alla classe terza della secondaria di I grado.

Per la Eu Code Week 2021 nel nostro istituto sono state svolte 103 ore di attività di coding per un totale di 757 studenti coinvolti di cui il 45 % femmine.

Così come stabilito dal Piano Nazionale Scuola Digitale, nel rispetto dell’età dei bambini, ogni team docente ha scelto di far vivere ai propri alunni diverse esperienze attraverso attività laboratoriali che introducono le basi della programmazione informatica sin dalla scuola primaria che nel caso del nostro istituto è stata intesa anche alle sezioni dei 5 anni delle scuole dell’infanzia.

Proprio nella scuola dell’infanzia ci si è focalizzati su varie esperienze di Coding unplugged ovvero senza l’uso di dispositivi elettronici: attività mediate dal racconto e dalla drammatizzazione di una storia e seguite dall’ideazione di un percorso a tema da un lato, e percorso di cucito dall’altra.

Quasi tutte le classi dalla prima primaria alla terza secondaria hanno utilizzato la piattaforma Code.org, la quale, oltre a favorire un approccio positivo alla programmazione, guida passo dopo passo gli studenti nella costruzione di un programma, adeguando le esercitazioni alla loro fascia di età; gli alunni di quinta ad esempio si sono cimentati nella codifica e successiva esibizione di alcune coreografie di danza. Tra le altre proposte troviamo attività di Pixel Art con restituzione ed esecuzione del codice a livello elementare. Gli strumenti che hanno riscontrato maggiore efficacia e successo sono mTiny e Blue Bot, adoperati in modo interdisciplinare: affiancandoli ad esempio alla scrittura e alla messa in scena di una piccola storia. A partire dal secondo anno della primaria sono stati utilizzati il linguaggio di programmazione visuale a blocchi ideato dal MIT di Boston, Scratch, e Makey Makey, composto da una scheda che imita la tastiera ed il mouse sostituendo i tasti con contatti elettrici sensibili al tocco.

Alla secondaria le attività hanno previsto la scrittura di semplici stringhe di codice mediante Code-org , Scratch e Blockly fino ad un primo approccio a Javascript.

Tutte le attività finalizzate allo sviluppo delle competenze digitali, sono state pianificate nel rispetto delle diversità di ciascuno, incoraggiando la presenza di bambini e bambine, ragazzi e ragazze, nel mondo delle discipline scientifiche STEAM.

Ogni classe ha risposto in modo positivo alle attività proposte; tutti gli studenti si sono messi in gioco dando sfogo alla propria creatività mettendo alla prova il proprio spirito di iniziativa, caratteristiche fondamentali per la crescita e lo sviluppo di ognuno.

Le referenti del progetto: inss. Marilisa D’Errico e Rosalinda Ierardi